1121 Metaghetchrono

1121 METAGHETCHRONO
2018, painted clock, 33cm

1171 Codice RaMHaL

1171 CODICE RAMHAL
2010, resine e tempere acriliche su seikojet su tela,140×105cm

1184 Correre Stretto

1184 CORRERE STRETTO
Acrylic on board, 39x54cm

1355 Visione di Spendore

1355 VISIONE DI SPENDORE
Acrylic on board, 31x48cm

1423 e 1424 Pesce segreto e Pesce tropicale

1423 E 1424 PESCE SEGRETO E PESCE TROPICALE
2018, bronze sculpture 25x20x6cm e 25x18x9cm

1430 Boschetto ametista

1430 BOSCHETTO AMETISTA
2017, tela 35x50cm

1435 Trota midrascica

1435 TROTA MIDRASCICA
Bronze sculpture, 62x18x9cm nikel cromo nero

1436 Pantera golem

1436 PANTERA GOLEM
2018, bronze sculptur, 108x21x27cm

1453 Toro algoritmico

1453 TORO ALGORITMICO
2018, bronze sculptur, 75x20x39cm

1517 Caos e Indeterminatezza

1517 CAOS E INDETERMINATEZZA
2020, Bronze Sculpture 43x65x21cm

1521 Filanda Rossa

1521 FILANDA ROSSA
2021, Dipinto su Tavola, 39x54cm

AS22013 - Bosco di fuoco

AS22013 - BOSCO DI FUOCO
2013, catalizzazione su alluminio, 100x75cm

Bosco dei numeri primi

BOSCO DEI NUMERI PRIMI
2/3, Subliminazione su raso, 100x100cm

Bosco del sogno del pane

BOSCO DEL SOGNO DEL PANE
7/10, sublimazione su raso, 55x70cm

Bosco tricolore transalpino

BOSCO TRICOLORE TRANSALPINO
2018, Sublimazione su raso, 100x120cm

Coccodrillo Em Madre

COCCODRILLO EM MADRE
2019, Bronze Sculpture, 90x30x28cm

Coccodrillo coda lunga

COCCODRILLO CODA LUNGA
2019, Bronze Sculpture, 130x25x35cm

Codice di Rodi

CODICE DI RODI
Subliminazione su raso, 150x100cm

Foresta di Ciclamino

FORESTA DI CICLAMINO
Subliminazione su raso, 100x120cm

Infinito a Cannaregio

INFINITO A CANNAREGIO
Subliminazione su raso, 55x70cm

L'Onda ghematrica

L'ONDA GHEMATRICA
1/3, sublimazione su raso, 90x120cm

Memoria universale

MEMORIA UNIVERSALE
Litoserigrafia, 50x70cm

Moltiplicatore naturale

MOLTIPLICATORE NATURALE
2017, sublimazione su raso, 100x100cm

Ponte di pace

PONTE DI PACE
Subliminazione su raso, 70x55cm

Porta Fucsia

PORTA FUCSIA
Subliminazione su raso, 150x100cm

Portico dei palpiti

PORTICO DEI PALPITI
2018, sublimazione su raso, 115x160cm

Radice di natura

RADICE DI NATURA
2013, catalizzazione uv su alluminio, 95x120cm

Radici celesti

RADICI CELESTI
2017, sublimazione su raso, 180x123cm

Raso bosco rosso

RASO BOSCO ROSSO
Subliminazione su raso 130x150cm

Salto di potenza

SALTO DI POTENZA
2017, Bronze sculptur, 47x29x14cm

Scintille cremisi

SCINTILLE CREMISI
Subliminazione su raso, 150x100cm

Sequenza in Volo

SEQUENZA IN VOLO
Subliminazione su raso, 80x80cm

Spirito dell'arco

SPIRITO DELL'ARCO
Subliminazione su raso, 178x123cm

RAVÀ

Tobia Ravà

Nato nel 1959, Tobia Ravà è un artista italiano di cultura ebraica, oggi vive e lavora a Venezia. Si è formato presso la scuola Internazionale di Grafica di Venezia e Urbino e ha conseguito una Laurea in Semiologia delle Arti all' Università di Bologna, dove è stato allievo, tra gli altri, di Umberto Eco.

Espone le proprie opere dal 1977 in Italia e all'estero, in note gallerie e musei. Ha esposto, tra i tanti, all'Olympic Fine Arts di Pechino, alla Galerie Am Park a Francoforte, alla Ermanno Tedesco Gallery a Tel Aviv, Roma, e Milano, al Museo nazionale delle Belle Arti a Buenos Aires, all'HUC-JIR Museum di New York, alla Biennale d'arte di Venezia. È inoltre presente in collezioni sia private sia pubbliche in Europa, Stati Uniti, Sud America ed Estremo Oriente. 

Le opere di Tobia nascono da un sapiente studio della ghematria, scienza teologica che descrive come la lingua ebraica assegni numeri alle lettere. Il fatto che ad ogni parola corrisponda un numero, dato da una somma aritmetica, rivela come parole o frasi con lo stesso valore numerico siano collegate nel significato. La chiave del suo lavoro è la corrispondenza semantica tra immagine rappresentata e numeri. Tobia Ravà ha quindi creato un genere artistico che viene definito “concettualismo estetico”: “alla logica serrata dei percorsi ghematrici e dei diversi livelli di lettura dell'opera, si aggiunge l'aspetto accattivante delle forme e dei colori”. M.L.Trevisan

L’artista ama rappresentare paesaggi immaginari o esistenti, luoghi naturali o ambienti urbani, figure umane e animali, visioni cosmiche o astratte. Solo dopo aver visualizzato l’immagine, l’artista la riempie di lettere e numeri simbolici, creando un vero e proprio codice genetico dell’opera che definisce i soggetti sia formalmente che concettualmente. Secondo la Kabbalah luriana, a cui fa riferimento Tobia Ravà, lo scopo dell'artista è quello di rivelare la luce, illuminare gli occhi e l'anima dello spettatore. 

Guardando i capolavori di Tobia Ravà, ognuno di noi è condotto da bellissime immagini a riflettere su determinati valori: dalla conservazione dell'ambiente alla storia della conoscenza, dall'atmosfera mistica dei luoghi allo spazio infinito dell'universo.


   Tobia Ravà - Algoritmi trascendentali (formato pdf)

“alla logica serrata dei percorsi ghematrici e dei diversi livelli di lettura dell'opera, si aggiunge l'aspetto accattivante delle forme e dei colori”. M.L.Trevisan